Al di là delle nuvole in dvd: recensione

Maestro indiscusso della nostra cinematografia, verso la fine della sua carriera, nel 1995, Michelangelo Antonioni venne affiancato dal collaboratore e fan Wim Wenders nella realizzazione di un’opera sentita e toccante, ispirata ad un suo libro intitolato Quel bowling sul Tevere.

Fanny Ardant, Chiara Caselli, Irene Jacob, John Malkovich, Sophie Marceau, Vincent Perez, Jean Reno, Kim Rossi Stuart, Ines Sastre e Peter Weller ne costituirono il ricco cast, insieme alla partecipazione di Marcello Mastroianni e Jeanne Moreau.

Al di là delle nuvole fu il titolo scelto del film, che segnò il suo ritorno ad un lungometraggio di finzione tredici anni dopo Identificazione di una donna, del 1982.

Cinema d’autore con la “c” maiuscola, un racconto per immagini diviso in quattro storie ambientate in diversi luoghi e accompagnate dalla voce narrante di un regista (Malkovich) che vaga pensando e inseguendo vicende immaginarie e ricordi del suo passato.

Si comincia a Ferrara, con l’amore condiviso e mai consumato tra un ragazzo (Rossi Stuart) e un ragazza (Sastre), due sconosciuti che si sono appena incontrati tra le grigie strade di una città intrisa di mistero e poesia.
Poi ci si sposta a Portofino, dove lo stesso regista/narratore fa la conoscenza di una bella ragazza (Marceau) che confessa di aver ucciso suo padre, portando con sé questa ingiusta condanna; ma ciò consente di fargli vivere una forte relazione emotiva, persi tra le onde invernali di quel posto.

A Parigi abbiamo invece un intenso rapporto a tre consumato da Patricia (Ardant), suo marito (Weller) e Carlo (Reno), i quali finiscono per capitolare questa loro burrascosa relazione grazie all’arrivo di una giovane donna seduta in un bistrot (Caselli), intenzionata a parlare esclusivamente dell’anima.

Chiude il giovane Niccolò (Perez), che si invaghisce di una ragazza innamorata così tanto di Dio (Jacob) da voler prendere i voti e divenire suora a tutti i costi

Con prologo, intermezzo ed epilogo a firma di Wenders, Al di là delle nuvole ha saputo dimostrare che non vi era epoca o decennio in grado di mettere a rischio la poetica autoriale, senza confini e senza limitazioni di tempo, di Antonioni, ancora capace di esternare tutto il proprio estro.

Produzione voluta da Vittorio Cecchi Gori, è un altamente coinvolgente miscuglio di amori, anime e pensieri in cui si intrecciano l’uomo e la donna, analizzando e incidendo sulla complessità esistenziale che viviamo di giorno in giorno, tra rapporti vari e profondi scambi di parole.

Antonioni allo stato puro, riveduto e aggiornato agli anni Novanta, Al di là delle nuvole è edito in dvd da Mustang Entertainment (www.cgentertainment.it), in una nuova versione rimasterizzata in alta definizione e corredata nella sezione extra di due interviste: una di trentacinque minuti a Enrica Fico Antonioni, moglie e collaboratrice del cineasta, e un’altra di trentadue minuti a Felice Laudadio, produttore associato del film.

Mirko Lomuscio

Lascia un commento