Amore imperfetto: intervista esclusiva a Amanda Melling

Amanda Melling è cresciuta tra le montagne del Piemonte e il mare della Liguria, ma vive in un cottage in Irlanda con i tre figli e il compagno irlandese. È stata curatrice editoriale per la collana di romanzi rosa “Amaranta” di Antonio Tombolini Editore.

Ha scritto Il peso sul cuore e Il capolavoro, editi entrambi da Antonio Tombolini Editore, e Amore imperfetto edito da Libro/mania.

Ama il buon cibo, la fotografia, i corvi, il folklore e soprattutto i libri, da leggere e da scrivere. Osserva il mondo attraverso la finestra della cucina, e poi lo racconta a modo suo, cercando di dargli un po’ di magia.

Noi, l’abbiamo intervistata per scoprire un po’ di più sulla sua ultima fatica letteraria e sul suo incantato universo.

Buona lettura!

Hai carta bianca e tre aggettivi per descriverti…

Emotiva, sincera e permalosa.

Mai senza…?
Aperitivo.

Cosa ti piace leggere?

Principalmente horror, il mio scrittore preferito è King.

Se dovessi esprimere tre desideri?

Vorrei togliere qualche mia fobia di troppo, vedere un mio romanzo trasformato in un film ed essere per sempre felice e contenta come nelle fiabe.

La tua vita in un tweet?

Niente tweet, odio i social tranne Instagram. E dipende dal fatto che amo molto la fotografia e poco la comunicazione verbale fuori dai libri.

Parlaci del tuo romanzo. A chi lo consiglieresti e perché?

Lo consiglierei a chi crede nell’anima gemella, ed è disposto ad aspettarla per sempre. E poi certamente a chi ama il buon cibo, a chi deve uscire da un brutto periodo di solitudine o si sente incompreso in ambito famigliare.

Come sono nati i personaggi?

Sono Asperger e soffro di ansia e attacchi di panico, la protagonista mi assomiglia molto. Tutto ruota intorno al suo desiderio di essere felice e l’uomo giusto arriva mettendo a posto diverse questioni personali, come è successo nella mia vita.

Le ambientazioni scelte provengono dal reale o sono anche una proiezione dell’anima?

Le ambientazioni sono tratte liberamente dal Lago d’Orta, anche se nel romanzo il luogo dove si trasferisce la protagonista si chiama Borgodoro. L’osteria di Azzurra è molto simile a un luogo reale dove ho passato dei bei momenti quando vivevo in Italia, proprio nel paese di Orta San Giulio.

Come puoi riassumere ai potenziali lettori il tuo romanzo? Qual è il messaggio che hai voluto trasmettere?

Non bisogna mai credere che il nostro destino sia segnato dalle pressioni di chi abbiamo intorno. Tutto può migliorare e possiamo avere la vita che sogniamo, basta tirare fuori il coraggio, osare. Questo è un romanzo dedicato al tema della trasformazione.

Sei già al lavoro su un nuovo manoscritto?

Ho finito un paranormal romance ambientato in Irlanda, che ora è in mano alla mia editor.

 

Silvia Casini

© Riproduzione Riservata

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *