Abel – Il figlio del vento in dvd: recensione

Abel – Il figlio del vento, l’intensa favola di scoperta e di speranza che vede protagonisti Jean Reno, Tobias Moretti e il giovanissimo Manuel Camacho sullo sfondo di un paesaggio mozzafiato, è sbarcato in home video.

La storia prende vita dall’aquila protagonista del film ed ha inizio proprio nel nido in cui è nata. In natura, infatti, l’aquilotto primogenito scaccia il fratello più debole dal nido, condannandolo a morte certa una volta caduto nel bosco.

E già… è la dura legge selettiva: il più forte annienta il più debole. Questo è ciò che solitamente accade quando due piccoli di aquila si trovano a condividere lo stesso spazio vitale. Ma a dire il vero, succede anche nel consorzio umano accade. Lukas, infatti, soffre a causa della freddezza che il padre mostra nei suoi confronti successivamente alla dolorosa perdita della moglie, morta nel tentativo di salvare il piccolo amore da un incendio. Ecco perché il bambino porta sulle sue giovani spalle il peso della morte della madre.

 

Ma il destino darà una mano a entrambi i cuccioli: Lukas troverà l’aquilotto spodestato, lo chiamerà Abel e deciderà di prendersene cura in segreto, offrendogli amore e compagnia. Sarà pronto Lukas, quando arriverà il tempo di restituire Abel alla natura selvaggia dalla quale proviene, a cominciare una nuova vita?

Ed è con un’entusiasmante fusione tra un lungometraggio e un documentario naturalistico, frutto della collaborazione tra due grandi professionisti (Otmar Penker, luminare nel campo delle riprese e della fotografia in ambienti naturali e Gerardo Olivares, acclamato regista di numerosi film), che quest’emozionante avventura tra le Alpi europee approfondisce tematiche importanti a sfondo ecologico e psicologico, quali il lutto, la riconciliazione, il confronto e l’importanza dell’unità familiare.

In sostanza, Abel – Il figlio del vento è una pellicola adatta a tutta la famiglia, che presenta inquadrature mozzafiato e una vicenda umana di profonda bellezza.

 

Silvia Casini

© Riproduzione Riservata

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *